fbpx
BLOG DI VIAGGI

Oslo: viaggio nell’affascinante capitale vichinga

Guarda la Foto Gallery

Se l’idea di un weekend tra aria pulita, traffico limitato, rispetto dell’ambiente e vista su un meraviglio fiordo ti alletta, Oslo è la tua prossima destinazione.

Vediamo 10 buoni motivi per visitare Oslo e cosa vedere ad Oslo, ti sorprenderà!

10 BUONI MOTIVI PER VISITARE OSLO:

  • La capitale della Norvegia è una delle città più pulite, verdi e vivibili che si possa visitare nel mondo.
  • E’ la più antica capitale vichinga, sorta nel 1048 ad opera di un famoso mercenario, divenuto Re di Norvegia, Harald Hardrade. Per secoli è stata conosciuta come Christiania, nome che le fu attribuito dal re di Danimarca Cristiano IV.
  • Visitarla d’estate vuol dire godere di un eterno giorno dalle 4 del mattino sino al sole di mezzanotte ed immergersi nel verde spettacolare dei fiordi.
  • Essere ad Oslo d’inverno significa fare colazione all’alba gustando il cappuccino alle 9.30 del mattino, fare il giro della baia ghiacciata ed alle 14.45 vedere calare il sole.
  • I suoi spettacolari tramonti la rendono uno dei luoghi più romantici sulla Terra.
  • Vedere l’urlo di Munch, un capolavoro.
  • Oslo ha un sistema di trasporti efficientissimo, che ti permette di arrivare ovunque, ma quasi tutto ciò che c’è da visitare, è possibile farlo a piedi, il suo centro storico è piccolo e quasi tutto risiede lungo la via principale.
  • Architetture avveniristiche e spettacolari.
  • Vigeland con le sue oltre 200 sculture è uno dei parchi più belli del mondo, un museo a cielo aperto.
  • A Oslo mangiare il salmone è d’obbligo e lo trovi in quantità industriali anche a colazione la mattina.

COSA VEDERE AD OSLO

Oslo è una città da visitare a piedi e nonostante qui viva il 10% della popolazione dell’intera Norvegia, non hai mai il senso dell’affollamento, del traffico stradale e dell’ingorgo di persone. E’ a dimensione d’uomo, vivace culturalmente e lo stile di vita è elevato. Non ha palazzi giganteschi, è immersa nel verde ed affaccio sul bellissimo Oslofjord.

E’ da notare però che è tra le città più costose al mondo, provare per credere!

A Oslo viene assegnato dal sovrano il premio Nobel per la Pace con una cerimonia che si tiene nel Municipio della città il 10 dicembre di ogni anno. 

KARL JOHANS GATE

Il giro di Oslo parte proprio dalla Karl Johans Gate, l’imperdibile via principale della città, che prese il nome da Karl XIV Johan, morto nel 1844.

E’ una via completamente pedonale, che dalla Stazione Centrale giunge al Palazzo Reale.

Lungo la Karl Johans Gate si trovano i palazzi più importanti della città ed anche della nazione: il Palazzo Reale, il Parlamento, la Cattedrale, il Teatro Nazionale e la prima Università.

E’ costellata di ristoranti, pub, bar, negozi di souvenir, ma anche di vendita dei classici, meravigliosi e caldissimi maglioni norvegesi, che, a meno di un viaggio a Lofoten, probabilmente non indosserai mai!

I negozi ad Oslo aprono alle 10 del mattino e chiudono alle 17, quindi occorre calcolare questa fascia orario per lo shopping, anche se vi sono negozi con orario prolungato.

Sulla Karl Johans Gate ha sede il Grand Hotel, ovvero l’hotel più famoso della Norvegia. Hotel lussuoso, aperto nel 1874, il cui bar vantava frequentazioni illustri come Ibsen e Munch ed ancora oggi ospita nella sua prestigiosa Nobel suite il vincitore del premio Nobel per la Pace.

Sul lato opposto troviamo il Nationaltheatret, ovvero il Teatro nazionale, che fu aperto nel 1899 a sostituzione dell’antico Christiania Theater. E’ dedicato ai suoi drammaturgi più illustri, Ibsen, considerato il padre della drammaturgia moderna, e Bjornson, insignito anche del Premio Nobel per la Letteratura nel 1903. Si possono vedere davanti alla facciata le statue di entrambi.

CATTEDRALE – DOMKIRKE

La Cattedrale o Domkirke è la chiesa più importante della Norvegia, di fede luterana, utilizzata anche dalla Famiglia Reale e dal Governo per cerimonie pubbliche, qui avvengono i matrimoni reali. La costruzione di questa chiesa in mattoni rossi iniziò nel 1694 dopo che le due precedenti chiese furono distrutte dal fuoco e terminò nel 1697. Si trova sulla Karl Johan Gate adiacente alla Piazza del Mercato. Su un muro all’esterno della Cattedrale, verso la Piazza del Mercato, si trova “Il diavolo di Oslo”, un altorilievo rappresentante un uomo circondato da bestie o diavoli, che era già presente sulla prima delle Cattedrali.

IL PARLAMENTO – STORTINGET

La costruzione dell’attuale Parlamento norvegese ebbe inizio nel 1860 su progetto di un architetto svedese, il Langlet. Furono seguiti diversi stili architettonici, di ispirazione italiana e francese, nella parte circolare ha luogo la seduta plenaria del Parlamento.

PALAZZO REALE – SLOTTET

Il suo nome in norvegese è SLOTTET ed è la residenza ufficiale dei reali di Norvegia. La sua costruzione fu iniziata nel 1824 dal re Carlo III di Norvegia, che era però anche re di Svezia, ed in realtà la famiglia reale trascorreva più tempo a Stoccolma che a Christiania, l’odierna Oslo.

E’ un edificio di stile neoclassico, imponente con le sue 644 stanze, che lo rendono una delle residenze reali più grandi d’Europa. E’ possibile visitarlo d’estate.

IL CASTELLO E FORTEZZA DI AKERSHUS

Akershus si erge in posizione strategica sulla collina di Akersneset, che domina la baia di Oslo.

La sua costruzione risale al 1299 ad opera del Re Hakon V, che lo volle a difesa della città, la storia narra infatti che nel 1308 ci fu un attacco di un conte svedese, che fortunatamente vide vittoriosi i norvegesi. Da Hakon VI in poi questa fortezza medievale viene utilizzata come residenza dai reali.

Fu grazie a Cristiano IV, colui a cui si deve l’odierna struttura di Oslo ed il suo precedente nome Christiania, che da fortezza medievale diviene una splendida residenza rinascimentale. Si racconta che abbia lanciato il suo guanto a terra ed in quel punto abbia indicato dove sarebbe nata la città.

Non durò a lungo il periodo di splendore e fu abbandonata come residenza reale, per rimanere comunque una fortezza.

Nel 1800 diviene una prigione, conosciuta come Slaveriet, ovvero “La schiavitù”.

Nel 1900 è stata restaurata e riportata a noi come oggi la vediamo.

Per i romantici di tutto il mondo, dalla collina si può ammirare il tramonto più bello sulla baia di Oslo e sul quartiere di Aker Brygge.

AKER BRYGGE

Aker Brygge è l’area del porto alle spalle del Municipio, che negli anni ’80 è stata sottoposta ad una ristrutturazione totale con l’edificazione di edifici residenziali di lusso, negozi, uffici, palestre.

I suoi tanti ristoranti di pesce freschissimo ed i suoi caffè lo rendono un luogo di ritrovo imperdibile per i cittadini sia di giorno, quando si riversano sulla banchina al sole, che di notte nei suoi locali con musica dal vivo.

OPERA HUSET – TEATRO DELL’OPERA

Nel 1999 si decide per la realizzazione di un nuovo Teatro dell’Opera e viene indetto un bando di concorso, vinto dallo studio di architettura Snohetta. Viene realizzata quest’opera avveniristica, che si affaccia sulla baia di Oslo, ed inaugurata nel 2008 alla presenza del Re di Norvegia.

Spiccano le finestre alte 15 metri, il marmo bianco di Carrara della facciata ed il granito bianco della costruzione.

RADHUSET

E’ l’imponente edificio che ospita il Municipio di Oslo, la cui costruzione è iniziata nel 1931 e terminata nel 1950 seguendo lo stile funzionalista.

E’ qui nella sua hall principale che si tiene la cerimonia di premiazione e consegna del Premio Nobel per la Pace, con un parterre di reali e personalità di spicco.

Sulla torre est con il suo diametro di 8 metri e mezzo svetta il più grande orologio da torre d’Europa.

FROGNERPARKEN O PARCO DI VIGELAND

Il parco di Vigeland è conosciuto anche come Parco delle Sculture e fu realizzato dal celebre scultore norvegese Gustav Vigeland.

E’ il più bel parco della Norvegia e probabilmente di tutta la Scandinavia, a mio parere imperdibile in un tour di Oslo.

E’ imponente e maestoso con le oltre 200 sculture in bronzo, granito e ferro battuto. Si dice che per i personaggi maschili Vigeland si sia ispirato a sé stesso.

L’opera più famosa è il monolito alto 17 metri, chiaro simbolo fallico, con 121 figure scolpite ed intorno 36 gruppi in granito.

Adesso non resta altro che prenotare un viaggio per Oslo e lasciarsi affascinare dalla capitale vichinga.

Buon viaggio!

Marpi

Condividi su Facebook