fbpx

Siamo in Bolivia, nella città più alta del mondo, La Paz e qui possiamo gustare un piatto tipico: le pukacapas, delle empanadas dal cuore morbido di formaggio fuso, cipolla e che la tradizione vorrebbe piccanti, anche se puoi gustarli senza.

Il loro nome è tutto un programma, Pukacapa significa “testa rossa”, dove la parola quechua “puka” vuol dire rosso e quella ispanica “capa” è di facile intuizione, ovvero testa, ed è dovuta alla forma dell’emapanada tonda come una testa e colorata di rosso.

Le empanadas sono una pietanza tipica ispanica, diffusasi dalla Spagna in tutto il Sud America con varianti diverse e gustose. Nell’antichità servivano per preparare e conservare la carne, esattamente come per la pie inglese.

La storia vuole che le pukacapas venissero preparate durante le feste di Carnevale per offrirle ai partecipanti. A La Paz queste empanadas sono uno spuntino prelibato da tutti i giorni e per ogni momento della giornata ed amano gustarle accompagnate anche con il “cafecito”, come dicono loro, io le preferisco senza!

Di seguito riporto il video di spiegazione su come prepararle facilmente e la ricetta.

CLICCA QUI PER IL VIDEO DELLA PREPARAZIONE DELLE PUKACAPAS

https://www.youtube.com/watch?v=hu53t9WPY04&t=5s

RICETTA DELLE PUKACAPAS – EMPANADA AL FORMAGGIO (PER 8 EMPANADAS)

INGREDIENTI PER LA PASTA

  • 300 gr farina
  • 50 gr burro
  • 2 tuorli d’uovo
  • 100 ml latte
  • 30 gr zucchero
  • 1 cucchiaino sale
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere

INGREDIENTI PER IL RIPIENO

  • ½ cipolla
  • Chili fresco (facoltativo se non si desidera il piccante)
  • 100 gr ricotta o feta
  • 250 gr formaggio tipo silano o scamorza appassita pugliese
  • Origano
  • 2 albumi
  • Prosciutto cotto (per una versione italianizzata)

PREPARAZIONE DELLE PUKACAPAS:

Questa preparazione può essere fatta sia a mano che con l’ausilio di un impastatore professionale.

  • Preriscaldare il forno a 180°.
  • Sbattere i tuorli con lo zucchero ed il sale sino ad avere un composto cremoso.
  • Mettere la farina setacciata in un contenitore o nella planetaria, aggiungere il burro e mescolare.
  • Incorporare le uova precedentemente sbattute ed il latte.
  • Aggiungere il cucchiaino di lievito,
  • Lavorare l’impasto fino ad ottenere una pasta compatta ed elastica.
  • Fare palline da 30 gr, pesandole con la bilancia.
  • Coprire le palline create con un canovaccio e lasciarle riposarle il tempo della preparazione del resto degli ingredienti.
  • Tagliare a pezzetti la cipolla ed il chili e metterli a soffriggere in una padella con un po’ d’olio.
  • Grattugiare (ho usato la parte più ampia della grattugia) il formaggio tipo silano o la scamorza appassita.
  • Incorporare in una ciotola il formaggio appena grattugiato, il formaggio morbido (ricotta o feta), la cipolla con il chili, l’origano (se piace).
  • A questo punto ho fatto la variante italiana, unendo ad una parte di questo composto il prosciutto cotto.
  • Torniamo alle nostre palline di pasta e su un tagliere stendiamole con un mattarello ad una ad una, cercando di creare dei dischetti di uguale dimensione.
  • Prendiamo due dischetti di pasta, su un dischetto poniamo una cucchiaiata piena di ripieno o un po’ di più, chiudiamo con l’altro dischetto di pasta, avendo cura di far aderire bene i bordi.
  • Prendiamo il dischetto su una mano e con il pollice e l’indice dell’altra mano sigilliamo i bordi, facendo delle piccole pieghe.
  • Spennelliamo con il pomodoro per creare il tipico colore rosso oppure con l’uovo.
  • Mettere i dischetti ripieni su una teglia da forno ed infornare a 180° per 10 minuti, controllare se servisse più tempo.

Buona pukacapa a tutti!

Per chi avesse un forno a microonde moderno con cottura di pane e pizza, io li ho cucinati anche così, mettendo l’impostazione del pane e sono perfetti. Il vantaggio è che non richiede preriscaldamento e fatto tutto da sé.