BLOG DI VIAGGI

Koh Samui: movida e spiagge da sogno in Thailandia

Dopo una piacevole traversata di poco più di mezzora da koh Phangan, sbarco sull’isola di Koh Samui e capisco subito che il ritmo che anima questa terra è ben diverso dalla sua isoletta “sorella”.

Samui è un sogno esotico per i viaggiatori di tutto il mondo in grado di offrire sia alloggi a basso costo e stile di vita hippy ai backpackers, che hotel lussuosissimi e locali alla moda per i turisti più esigenti.

Palme da cocco, spiaggia bianchissima, mare color smeraldo sono lo scenario della tua vacanza a Samui, che unisce al relax di giorno la movida notturna.

Samui è situata nel Golfo di Thailandia. Koh vuol dire isola e Samui ha un significato incerto,  probabilmente “porto sicuro”.

Grazie ad un clima mite e non troppo piovoso, è possibile visitarla anche di agosto e godersi una splendida vacanza di sole e mare.

Come moltissime isole del sud-est asiatico, Samui nasce come isola di pescatori e di piantagioni di cocco.

Fino all’arrivo degli hippies negli anni ’60 rimane totalmente selvaggia, senza neanche le strade asfaltate. Probabilmente per spostarsi da un luogo all’altro ci volevano giorni di cammino tra le foreste.

Gli hippies ne fanno una loro isola felice con pochi bungalows.

Negli anni ’90 incomincia lo sviluppo turistico di Samui e diviene una meta notissima nel mondo e molto gettonata per i viaggi di nozze.

Però, nonostante il turismo di massa degli ultimi decenni, rimane ancora un’isola dal verde lussureggiante e dalle splendide spiagge, ma ciò che la distingue da Koh Phangan e soprattutto Koh Tao è una vita animata di giorno e di notte.

Una legge ha fatto sì che non si possano erigere costruzioni più alte degli alberi da cocco e questo ha evitato grattacieli a dismisura e creato una certa armonia con l’ambiente.
CHAWENG è il cuore della vita notturna di Samui. Qui hai di tutto, da spiaggia bianchissima a ristoranti e club notturni sulla spiaggia, negozi di ogni genere, massaggi a 5€ l’ora ed un bel po’ di turisti. L’offerta degli hotel è vasta, ma anche più cara rispetto ad altre parti dell’isola.

Per chi volesse una vacanza animata, Chaweng è il posto ideale. 7 kilometri di spiaggia bianca, con un mare da favola, tranquillo anche per famiglie con bambini.

E’ un susseguirsi di ristoranti e bar sulla spiaggia, che si animano la notte in discoteche cool, ma anche in go-go bar.

Il mio hotel è situato a Chaweng Noi, la parte sud di Chaweng, un po’ più tranquilla, ma decidiamo di affittare un motorino a 6 euro al giorno e muoverci nel cuore di Chaweng ed in giro per l’isola.

L’esperienza con il motorino a Samui è bellissima, un senso di libertà assoluta ti pervade mentre attraversi le foreste ed i piccoli villaggi, dove trovi ancora botteghe di artigiani che lavorano il legno, piccoli villaggi di pescatori dove mangiare pesce ed altre località turistiche molto tranquille rispetto a Chaweng.

Un pomeriggio inoltrato, il motorino ci lascia per strada nel mezzo del nulla, ma che ti puoi aspettare a 6 euro al giorno?  Capiamo subito che il problema è la ruota. Lo spingiamo  per oltre un kilometro, fino a che troviamo chi ci sostituisce la camera d’aria alla ruota per 4 euro!

Insomma, una piccola avventura finita bene.

Da non perdere i massaggi Thai, che hanno il potere di rimetterti a nuovo dopo una giornata al mare o in giro. Io ho pagato 5 euro l’ora a Chaweng ed è diventato il mio appuntamento giornaliero pre-cena e locali.

In base alla mia esperienza do alcuni consigli brevi e pratici.

COME ARRIVARE A SAMUI

Ci sono varie alternative per arrivare:

– AEREO: c’è solo la Bangkok Airways che serve Samui con voli giornalieri dall’aeroporto di Bangkok Suvarnabhumi BKK ed in poco più di un’ora si arriva sull’isola. È la soluzione più costosa, circa 250€ A/R, ma la più veloce per chi avesse poco tempo.

– NAVE dal porto di Donsak ad un’ora di distanza dall’aeroporto di Surat Thani. È la soluzione più lunga, ma decisamente la più economica. Dall’aeroporto di Bangkok Don Meung partono diverse compagnie come Nok Air, Thai Lion Air, Thai Air Asia con destinazione Surat Thani con una media di un 60 o 70€ A/R. Devi poi aggiungere il costo del Ferry, dai 10€ ai 20€ a tratta. Quando si compra il biglietto per il Ferry, è incluso il pick up all’aeroporto. Va quindi considerato il tempo per giungere dall’aeroporto all’attracco del Ferry a Donsak ed il tempo necessario di navigazione. Ci si mette un 3/4 ore.

NAVE da Koh Phangan e da Koh Tao: da Koh Phangan partono diversi traghetti al giorno e dista mezzora da Samui. Partono dai moli di Thong Sala e di Haad Rina. Da Koh Tao  ci sono pochi traghetti ed il tragitto è lungo più di due ore.

COSA VEDERE A SAMUI

E’ un’isola da visitare più per il suo aspetto naturalistico che per i suoi monumenti.

Consiglio di andare a vedere:

– il TEMPIO DEL GRANDE BUDDHA, ovvero il WAT PHRA YAI. Si trova nella parte nord di Samui in una piccola isola, chiamata Ko Phan, ovvero l’isola del cervo.  La statua dorata di Buddha è alta 12 metri e fu costruita nel 1972. Si riesce a vederla già in lontananza.

Dal Tempio si gode un bellissimo panorama e se ci vai all’imbrunire, puoi godere del tramonto.

ELEPHANT SANCTUARY A BOPHUT: parto da una premessa, il costo per entrare è elevato, 3000 baht per adulto, che include il trasporto, parliamo di poco meno di 90 euro. Quindi, lascio a te la scelta. E’ un campo in cui puoi osservare gli elefanti nella loro vita quotidiana, dar loro da mangiare, ma non puoi cavalcarli come in altre parti della Thailandia.

FISHERSMAN’S VILLAGE A BOPHUT: il nome può ingannare, ma è un villaggio assolutamente trendy con i suoi ristoranti e locali, c’è un mercato molto noto il venerdì sera.

COME MUOVERSI A SAMUI

Motorino: è il mezzo che ti dà in assoluto più libertà di muoverti e quindi di sceglierti l’alloggio a te più ideale.  E’ molto economico, vai dai 5 agli 8 euro al giorno. Le strade sono tranquille, ma ovviamente bisogna fare attenzione.

Taxi: come nel resto della Thailandia hanno prezzi popolari, ma chiedi sempre di accendere il tassametro, altrimenti il prezzo è fatto da loro.

Songthaew: sono specie di minibus con due panche laterali, che condividi con altra gente.

tuk tuk: sono quella specie di Ape Car, aperte lateralmente, adibite a trasporto passeggeri, che corrono come dannati. Concorda sempre il prezzo prima.

DOVE DORMIRE A SAMUI

Le località principali sono CHAWENG e LAMAI, dove l’offerta di hotel è varia ed a tutti i prezzi.

Personalmente ho scelto l’hotel The Sarann, una bella struttura a Chaweng Noi, la parte sud di Chaweng, in cui peraltro vi sono anche tra i migliori locali  notturni di Samui.

The Sarann è a ridosso del mare, ma la spiaggia sotto è soggetta alla bassa marea e diventa impraticabile. Basta però una brevissima camminata per arrivare ad una spiaggia stupenda e farsi bagni magnifici.

La stanza era enorme, con annessa veranda con vasca idromassaggio.

Piscina a sfioro sul mare da cui godi dei tramonti bellissimi.

 

 

QUANDO ANDARE A SAMUI

Il periodo migliore per visitare Koh Samui da dicembre a marzo, che corrisponde all’estate dell’emisfero australe.

Durante i mesi di luglio ed agosto, tipici delle vacanze degli europei, le piogge sono sporadiche, ma non dispiacciono, ed il sole risplende ogni giorno.

Il mese realmente sconsigliato è novembre, che corrisponde al culmine del periodo delle piogge, con un picco di precipitazioni.

Condividi su Facebook